Agostino Bontà

15.44 LE TELECAMERE DI SICUREZZA VEDONO COSE BELLISSIME

di e con Francesca Antonino, Simone Evangelisti, Elena Giachetti, Elisa Pol, Valerio Sirna
co-produzione Associazione Sosta Palmizi / Artisti Associati
in collaborazione con La Corte Ospitale
con il sostegno di Danza Urbana_Rete Habitat, Drama Teatro (MO), Centro di Palmetta (TR), Armunia Castiglioncello (LI),Comune di Budrio (BO), Fienile Fluò (BO)
Compagnia Agostino Bontà

periodo residenza marzo 2016

 

Sedie in formica. Un tavolo. Una poltrona. Una lampada. Pochi elementi delineano un interno. Uno spazio viene costruito e decostruito dalle figure che lo attraversano. Una telecamera-spia puntata su quello che avviene alle 15.44 del pomeriggio. Ipoteticamente. Vecchie pellicole, idoli rock, stratificazione di linguaggi e riferimenti. Cinque figure danno vita a degli interni; in ogni episodio si dispiega l’evocazione di un ambiente. Alla stregua di un set cinematografico, gli interni si disgregano velocemente e rivelano la loro natura effimera. Le diverse dimensioni della presenza si sovrappongono e si ribaltano. Le relazioni spaziali stabiliscono ruoli ed equilibri mutevoli tra gli inquilini, dando vita ad un montaggio scenico dove i diversi piani della rappresentazione si incrociano in una dissolvenza continua. Le gerarchie tra il “dentro” e il “fuori” si riducono, tecnica e poetica si confondono, e i frammenti drammaturgici si stagliano al di sopra di un furore combinatorio. Un gioco sottile avviene sotto gli occhi del pubblico, le intimità sono svelate, la finzione è dichiarata. Possiamo stare tranquilli dunque?
Un mondo dove tutto è possibile.

Agostino Bontà è un collettivo di artisti formatosi nel 2012 al termine del biennio Scritture per la danza contemporanea diretto da Raffaella Giordano. Indaga le arti sceniche con uno sguardo trasversale che coinvolge differenti linguaggi contemporanei alla ricerca di una forma di coabitazione sulla scena. Il collettivo è composto da Francesca Antonino, Simone Evangelisti, Giulia Ferrato, Elena Giachetti, Elisa Pol, Valerio Sirna ed è attualmente artista associato dell' Associazione Sosta Palmizi di Cortona (AR).
Nel 2013 presenta, in occasione del Festival Danza Urbana di Bologna , PIANO B, un progetto di creazione domiciliare. Il collettivo lavora per una settimana all'interno di appartamenti privati della città di Bologna e presenta 4 originali perfomance negli stessi. PIANO B è stato replicato nel 2014 nell'ambito del festival Rete Frattale di Ravenna. Dal 2015 è impegnato nella realizzazione del sua opera prima 15.44. Le telecamere di sicurezza vedono cose bellissime. Dopo un serie di residenze presso il comune di Budrio (BO) e Fienile Fluò (BO) tramite il sostegno di Rete H(abita)T promossa da Danza Urbana il collettivo ha presentato un primo studio dello spettacolo in occasione del festival 0054 - Dispositivi di danza contemporanea di Budrio (BO).

 

Photogallery

Condividi su