Giuliana Musso e la compagnia Carullo-Minasi

chiudono la rassegna estiva "L'Emilia e una notte"

Giovedì 21 luglio alle ore 20 all’interno dell’Emilia e una notte, la rassegna estiva curata da La Corte Ospitale, la compagnia Carullo - Minasi presenta lo studio dello spettacolo “delirio bizzarro”, progetto vincitore Forever Young 2015-2016, che debutta il prossimo ottobre all’interno di Vie Festival 2016.
A seguire, alle ore 21.30, Giuliana Musso presenta i materiali dell’indagine per Mio Eroe, il nuovo monologo prodotto da La Corte Ospitale, in prima nazionale ad ottobre al teatro Herberia di Rubiera.

delirio bizzarro è il progetto vincitore di Forever Young, progetto residenziale di sostegno alle giovani compagnie teatrali italiane che esplorano i nuovi linguaggi della scena contemporanea, ideato e promosso dalla Corte Ospitale e sostenuto dal Ministero dei Beni e le attività culturali e dalla Regione Emilia-Romagna. Dalle motivazioni della giuria, composta da Claudia Cannella, Pietro Valenti, Walter Zambaldi, Fabio Masi e Giulia Guerra: “Intelligente, poetico, fortemente legato alla contemporaneità, Delirio Bizzarro di Carullo-Minasi aggiunge un nuovo tassello a un felice percorso drammaturgico teso ad indagare la “diversità” come alternativa alla “normalità” e sfida alle convenzioni che ingabbiano il nostro vivere sociale. Nato da un lavoro di ricerca sul campo in un centro di salute mentale, Delirio Bizzarro è una scrittura originale per due personaggi (un “pazzo per attribuzione” e una donna normale, ossessionata dalla carriera, che si scopriranno simili con buona dose di autoironia) che si presta a interessanti sviluppi sia nell’indagine sul campo, sia nell’ipotesi di ulteriori articolazioni del processo drammaturgico”.
A seguire, alle ore 21.30, l’incontro con Giuliana Musso, che nel chiostro piccolo accoglierà un massimo di 30 spettatori per condividere i materiali dell’indagine che porterà al monologo Mio eroe, produzione La Corte Ospitale, in prima nazionale ad ottobre al Teatro Herberia di Rubiera.
Mentre già ci lasciamo alle spalle le celebrazioni per il centenario della prima guerra mondiale, Giuliana raccoglie la voce delle madri dei giovani soldati italiani caduti per la patria oggi, sotto il fuoco nemico durante una missione di pace. In questa serata speciale saranno condivisi alcuni brani delle testimonianze raccolte, racconti, riflessioni, dati, follie, sentimenti ed antichi interrogativi. Un incontro teatrale intimo, nello spazio della ricerca e del dubbio, per mettere le mani in uno spettacolo ancora tutto da scrivere. 

Photogallery

Condividi su