IL NOSTRO AMORE SCHIFO

L'Emilia e una notte | Martedì 11 luglio, 21:30 > CHIOSTRO

drammaturgia di Francesco d’Amore e Luciana Maniaci
con Francesco d’Amore e Luciana Maniaci
messinscena e luci Roberto Tarasco
tecnica Agostino Nardella
co-produzione Teatro Regionale Alessandrino | Nidodiragno

“Il nostro amore schifo” è un'indagine dissacrante sul sentimento intricato della gioventù, sezionato e fatto a pezzi da due figli del nostro tempo, ingenui e insieme spietati. Una storia di non-amore durata decenni e condensata nel giro di un’ora, in cui ogni scena è un passaggio della parabola di una coppia, diversa e uguale a ogni altra, tra alti sublimi e infami cadute. Si compone così la guida illustrata della prima esperienza sentimentale, letta come rito di passaggio obbligato prima di consacrarsi alla tiepidezza e alla stabilità dell’età adulta. Lo strumento che scatta queste impietose istantanee è la comicità corrosiva, il lento svelarsi di quell’ironia atroce che è nascosta sotto ogni storia d’amore troppo chiassosa per essere pura.
“Il nostro amore schifo” è uno spettacolo essenziale, dirompente e puro, tutto fondato sulla parola e sulla relazione e retto sulla forza anarchica della giovinezza.


"I Maniaci d'Amore sono una coppia di talenti anomali, (...) un duo che fin dal nome sembra baciato dal destino. E' raro vedere due personalità così complementari. Ne Il nostro amore schifo una ragazza riceve un fidanzato come dono di compleanno, e restano insieme senza piacersi, tra poesie dissennate e stragi famigliari. Ma al di là della trama, è folgorante la loro scrittura feroce, surreale, piena di guizzi macabri, tutta al servizio di un travolgente estro interpretativo."
Renato Palazzi, Il Sole24Ore

"Il folgorante Il nostro amore schifo è una storia d'amore convenzionale battuta al coltello dell'umorismo nero, cioraniano. Lui, un depresso smidollato aspirante poeta. Lei, innamorata della prim'ora ma non della seconda. Lei è per il 'per sempre', lui solo 'per ora', anche se poi le parti si invertiranno. Il risultato è una pièce di adorabile cinismo in cui si ride molto e ci si agghiaccia ancora di più."
Camilla Tagliabue, Il Fatto Quotidiano​

"Una folata di novità e freschezza drammaturgica. Uno spettacolo intelligente, divertente e irriverente, cui non mancano momenti grotteschi di un cinismo misto a una comicità che può rinvenirsi in alcuni testi di Ayckbourn o Ionesco. Davvero bravi i due giovani protagonisti. Da quello che ho visto sono nate due stelle."
Gigi Giacobbe, Hystrio

"Il nostro amore schifo è uno spettacolo minuto che ha nell’essenzialità espressiva la sua forza detonante, come un sibilante cortocircuito che infonde nell’apparente leggerezza il dubbio che si stia parlando di situazioni ben più complesse e sentimenti vittime di derive emozionali. La loro leggerezza, dunque, ha un valore di contrasto e si fa lancinante e astuta..."
Simone Nebbia, Teatro e Critica

"Si ride con immediatezza, mentre si intravede, nello svolgersi veloce delle scene, spesso buffe, acide, grottesche, un eccellente lavoro di ammiccamenti colti, una squisita mistura di divertita ferocia e malinconia. Un testo fresco, denso di un'ironia profonda, concreta, aspra. E bravi davvero i due interpreti."
Valeria Ottolenghi, La Gazzetta di Parma

 

 

Informazioni e biglietteria

Intero > € 10.00
Ridotto under 25 anni / over 65 anni, soci ARCI, soci COOP > € 8.00
Ridotto Carta DOC (docenti Emilia-Romagna) e studenti universitari di Modena e Reggio Emilia > € 5.00

La biglietteria è aperta a partire da un’ora prima dello spettacolo.
Biglietti in prevendita da mercoledì 1 giugno 2017 presso gli uffici della Corte Ospitale in via Fontana 2 a Rubiera, dal lunedì al venerdì dalle 10.30 alle 13. Prenotazioni telefoniche al numero 0522 621133 dal lunedì al venerdì dalle 10.30 alle 13; via mail all’indirizzo segreteria@corteospitale.org.

Prevendita su www.vivaticket.it

Ogni sera di spettacolo all’interno de La Corte Ospitale è attivo un servizio bar.
La Corte Ospitale è in via Fontana 2 a Rubiera (RE) Tel. 0522 621133
info@corteospitale.org | www.corteospitale.org

Condividi su