REPERTORIO | Danio Manfredini

Scuola Permanente di Alta Formazione per Artisti Residenti condotta da Danio Manfredini

Sono aperte le iscrizioni per partecipare a Repertorio, la Scuola Permanente di Alta Formazione per artisti residenti condotta da Danio Manfredini e organizzata da La Corte Ospitale, all’interno del progetto residenziale 2018 secondo art. 43 DM 27 luglio 2017, che si svolgerà a Rubiera a partire da ottobre 2018.
Scadenza iscrizioni 10 settembre 2018.

Repertorio è unpercorso residenziale permanente rivolto agli artisti che sono stati in residenza presso gli spazi della Corte Ospitale e presso L’arboreto - Teatro Dimora di Mondaino dal 1 gennaio 2017 al 31 luglio 2018, e in seconda battuta rivolto ad attori emiliano-romagnoli, ma anche ad attori professionisti italiani.

La finalità di Repertorio è di mettere a disposizione degli allievi un momento di studio e di ricerca permanente, a partire dal repertorio teatrale, perché i partecipanti possano acquisire strumenti universali di lavoro, di avvicinamento al testo e alle tecniche attoriali. Il repertorio diventa una palestra di conoscenza e approfondimento dei diversi metodi recitativi, che andranno ad arricchire il bagaglio personale di ciascuno e che ciascuno potrà poi personalizzare nelle rispettive creazioni.

Accanto al lavoro sul repertorio, ogni sessione di residenza sarà centrata sulla pratica legata alla consapevolezza del lavoro fisico finalizzato al lavoro scenico, che comprende tecniche sintetizzate nel corso di anni di approccio agli studi specifici di Danio Manfredini a partire dal corpo nei diversi contesti teatrali (i lavori Grotowski, di Barba, di Decroux, elementi di danza contemporanea, flamenco, ecc.) e al lavoro vocale che prevede tecniche di riscaldamento e di approfondimento delle possibilità espressive del suono della voce.

Ritengo che la possibilità di praticare una dimestichezza di recitazione su diversi stili e autori possa essere un punto di partenza di formazione e di consolidamento della pratica del lavoro dell’attore – dice Danio Manfredini –  per dare una base più solida e affrontare le nuove creazioni, il vuoto che richiedono e le domande, i dubbi di fronte allo sconosciuto che il futuro ci mette davanti. Questo proporsi in maniera inerme, tuttavia armati di un bagaglio che non vuole essere un metodo risolutorio, ma una serie di possibilità alle quali attingere, è quello che intendo perseguire nei percorsi di formazione che propongo agli allievi attori”.

 

Scopri il bando completo > CLICCA QUI

Condividi su