Mulino Bianco

di e con Enrico Castellani, Valeria Raimondi
produzione Babilonia Teatri, La Corte Ospitale

disponibilità: estate 2021 e stagione 2021/2022

Viviamo un mondo in cui sembra impossibile trovare un equilibrio tra naturale ed artificiale. Quasi che questa dicotomia sia impossibile da gestire.
Da una parte la modernità, le fabbriche, gli elettrodomestici, i prodotti e i veleni chimici, i sapori e gli odori riprodotti in laboratorio, la tecnologia... dall'altra parte le tradizioni da riscoprire, l'orto da coltivare dietro casa, il biologico, il biodinamico, la vacanza wild, la marmellata fatta in casa...
Noi ci troviamo nel mezzo, ognuno col suo grado di consapevolezza e di ignoranza. Viviamo sotto il fuoco incrociato di notizie allarmanti e catastrofiche che fatichiamo a gestire. Notizie rispetto alle quali non sempre sappiamo come comportarci. Il più delle volte ignoriamo, in certi casi per scelta, in altri perché informarsi è complesso, farsi un'opinione è complesso, essere coerenti è complesso.
La terra collasserà a breve a causa del surriscaldamento?
L'avanzata dei deserti raggiungerà all'improvviso il nostro pianerottolo?
L'isola di plastica presente nell’oceano Pacifico diventerà davvero meta di vacanza?
Lo zucchero bianco è davvero un veleno peggio dell'eroina?
La tassa sulla plastica è realmente un provvedimento caro solo a un'élite pseudo-intellettuale?
Perché una pubblicità che mi indica che i biscotti in questione sono senza lattosio dovrebbe invogliarmi ad acquistarli?
Quanti kilometri percorre una banana prima che io possa scivolare sulla sua buccia?
Quanti litri d'acqua servono per produrre una bistecca?
Quanto è preziosa l'acqua utilizzata per produrre la suddetta bistecca?
Quante delle suddette bistecche posso mangiare al minuto per non sentirmi un nemico della terra?
Quante popolazioni sono state sgomberate dalle loro terre per soddisfare il fabbisogno di anacardi richiesti dal mercato mondiale per alimentare chi non mangia più le suddette bistecche?
Chi taglierà la coda al cane affinché smetta di mordersela?
Dato che è un cane che si morde la coda, tagliamo la testa al toro e lasciamo che a decidere tutto siano gli specchietti per allodole?
Ognuno nel suo piccolo può fare la sua parte.
Quale?
Io vorrei sapere qual è la mia. Vorrei che qualcuno me lo dicesse. Giuro che la farei. Al massimo se non mi piace la scambio con qualcun altro.
Meglio acquistare prodotti biologici confezionati nella plastica o prodotti non biologici confezionati nella carta?
Guardo al mio bene o a quello collettivo?
Un po' per ciascuno non fa male a nessuno.
Partiamo da qui, da queste domande, che non possono nemmeno essere definite provocazioni, perché sono domande reali, che ci accompagnano e ci assillano, a cui rivolgiamo attenzione a volte e che fingiamo di non udire altre, per costruire uno spettacolo che condiva col pubblico le nostre domande.