La Corte Ospitale

Chiusigliocchi
La Corte Ospitale

marted́ 13 dicembre 2011, ore 21

Chiusigliocchi

Primo movimento

ideazione e regia Oscar De Summa
con Oscar De Summa, Armando Iovino, Angelo Romagnoli, Tommaso Rotella, Francesco Rotelli, Vincenzo Nappi

 

Prova aperta – residenze 2011-2012

Distratto dai troppi giocattoli, Edipo ha dimenticato di uccidere suo padre e così la tragedia non è mai cominciata, anzi, per dirla meglio, la tragedia c’è, è cominciata ed è ancora in atto ma non è quella che ci si aspettava, non va nella direzione in cui è sempre andata. Per tutti questi anni Edipo si è lasciato sedurre dagli oggetti che suo padre gli ha messo dinnanzi a profusione, senza mai pronunciare un no. Un bene si potrebbe pensare, anzi un benessere. Ma cosa ci ha tolto questo mondo di “si”, di “eccoti”, di “prendi”?
Lo incontriamo a questo punto il nostro eroe, che improvvisamente si rende conto di essere pronto a districare le sue ragioni, a far valere il suo punto di vista, a prendere le redini perfino. Ma nessuno lo prende sul serio. Nessuno lo ascolta, proprio perché prima di adesso non ha mai alzato la voce, non si è mai neanche ribellato. Ora che si accorge che le cose vanno nel verso sbagliato e che nessun altro può fare le cose a posto suo, il nostro eroe decide per un atto estremo, significativo, che sia immediatamente leggibile e tangibile, una manifestazione della realtà che suo padre ha disegnato a sua insaputa, una punizione al contrario. Ma quell’atto, così definitivo, non porta con sé nessun cambiamento reale, anzi, quello che inevitabilmente produce è un istintivo e fastidioso moto di scherno da parte del reggente che sbaracca ogni possibile incisività con un semplice “ la smetti di fare il cretino”. Tutto il phatos da tragedia greca che mancava prima diventa ora impossibile da recuperare, impossibile anche solo da pensare.  Un padre non dovrebbe mai vedere la morte di suo figlio, non è naturale, neanche se è una morte intellettuale. Ma è qui che ci troviamo!

 

Ingresso gratuito

 

Photogallery