Casa de Tabua

Fascia d'età dai 4 anni in su

Data spettacolo

13

marzo
2020

Teatro Herberia

Ore: 10:00

In un mondo dove la vita normale è vissuta in modo assurdo, il clown vive l'assurdità in modo normale.

 

Due Mondi. Lui con la sua casa viaggiante, lei con la sua casa sonora. Lui con il suo silenzio impacciato e morbido, lei con le sue abitudini precise e ritmiche. Il loro incontro davanti allo sguardo del pubblico li rende ancora più assurdi, più fragili a tal punto che i martelli ballano per loro. Vedersi dalla terrazza ma non riuscire a trovarsi davanti alla porta, pulire casa, sognare, far colazione, darsi appuntamento sotto un lampione sopra una sedia e salutarsi. Casa de Tábua è un incontro inaspettato tra suono e gesto che rivela il lato comico dell’uomo nel quotidiano. Casa de Tábua è un luogo assurdo ma per noi così reale, che se un giorno riprendessimo quel viaggio lo vorremo portare appresso proprio come le nostre case. Il processo di ricerca in Casa de Tábua si è strutturato tenendo il corpo al centro del processo creativo. Il corpo-suono, il corpo-silenzio, il corpo-musica. Un lavoro essenzialmente fisico che ha portato alla necessità di affrontare l’atto teatrale come una partitura musicale. La base comica non verbale legata al clown ha suggerito la gestione dei tempi comici, la dilatazione, la pausa e la sospensione scenica elaborate con esercizi ed improvvisazioni in continua progressione e sviluppo. La comicità passa dalla ricerca di neutralità e tranquillità, dalla consapevolezza della propria presenza e dalla percezione di come tale consapevolezza risuona nel pubblico e nello spazio.

Sguardo esterno Teresa Bruno - pianoforte, Chitarra e Lampioncello Irene Michailidis Ramofono e Sega André Casaca - scenografie Rossella Geraldi - oggetti di scena Marie Eve De Paoli - macchine di scena Silvano Costagli - costumista Federica Novelli - produzione Teatro C’art Comic Education Ital

Photogallery